Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Fringe benefit - Le agevolazioni 2022

Per i fringe benefit 2022 ai dipendenti è innalzato il massimale a 600 euro più altri 200 euro ma con regole diverse: come applicarle senza pagare tasse.
Il decreto Aiuti bis (art. 12 del D.L. n. 115/2022) non soltanto ha portato a 600 euro la soglia esentasse per i beni ceduti e i servizi prestati ai dipendenti nel periodo d’imposta in corso, ma ha anche previsto di ammettere nel novero dei fringe benefit anche le somme erogate o rimborsate per il pagamento delle bollette (utenze domestiche) dell’acqua, del gas e della luce.
Non solo: sempre e solo per il 2022, è possibile riconoscere anche buoni benzina o titolo analoghi per un valore massimo di 200 euro, riconosciuti in aggiunta a tale soglia maggiorata, anche per la ricarica di veicoli elettrici o come premi di risultato in sostituzione del premio previsto da contratto.

Fringe benefit: le regole per il 2022

In pratica, fino al 31 dicembre (in realtà la legge permette di corrispondere i fringe benefit entro il giorno 12 gennaio di ogni anno), i datori di lavoro possono concedere – nell’ambito della formazione del reddito di lavoro dipendente – somme di denaro o beni e servizi fino ad un valore di 600 euro complessivi senza applicazione di tasse o contributi su tali somme in usta paga, in deroga al consueto limite annuale pari a 258,23 euro.

Tra l’altro, a differenza di altre forme di welfare aziendale, nel caso dei fringe benefit in questione è possibile riconoscere tali benefici anche come trattamento ad personam.

Attenzione però: in presenza di più benefit determinati con criteri differenti, bisogna accertarsi di non superare tale soglia complessiva – tenendo conto di tutti i redditi percepiti, anche se derivanti da altri rapporti di lavoro – altrimenti scatta la tassazione sull’intera somma, e non soltanto sulla parte eccedente il massimale concesso. Ad esempio, un voucher versato o concesso prima del 12 gennaio 2023 rientra nel tetto massimo consentito anche se non viene utilizzato, concorrendo al computo complessivo della soglia 2022 (600 euro + 200 euro).


Fringe benefit 2022: soglie e beni ammessi

Riassumendo, per l’anno d’imposta 2022, i beni e i servizi concedibili sono:
• quelli rientranti nella soglia maggiorata di 600 euro, fino al limite annuo:
o buoni spesa
o buoni benzina
o rimborsi delle utenze domestiche di acqua, luce e gas.
• come eventuali ulteriori beni e servizi oltre il limite annuo:
o buoni benzina o titolo analoghi per un massimo di 200 euro (anche al posto dei premi di risultato)

Non perdiamo questi benefit, aderiamo subito ad un piano di Welfare!






Vai alla lista
 

Registrati ora alla Newsletter di Eurorisk Scopri le nostre social news