Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

Strutture residenziali per anziani

Gestire i rischi di una casa di riposo

L’Italia, arrivata a conoscere il fenomeno dell’invecchiamento dopo altri paesi dell’occidente industrializzato quali la Francia, la Danimarca, la Germania Occidentale, è giunta rapidamente ad occupare la prima posizione fra le Nazioni più vecchie del globo.
La speranza di vita alla nascita si avvicina ai 78 anni per gli uomini e a 83 per le donne.
Nei primi anni del Ventunesimo secolo si assiste a una crescita della popolazione italiana ricoverata in strutture residenziali. L’aumento riguarda in particolare gli ultra 75enni.

L’allontanamento dalla famiglia e dal normale contesto abitativo di una persona dipende da svariati motivi. Diverse sono infatti le situazioni di disagio: di tipo sociale,economico, abitativo o derivante da problematiche di salute; a ciascuna deve corrispondere un’offerta residenziale adeguata.

I rischi connessi alla gestione di tali strutture riguardano non solo i beni mobili ed immobili, ma soprattutto le responsabilità assunte dagli amministratori pubblici e/o privati nell'esecuzione dei vari servizi, in particolare riguardo a:

  • cura della persona
  • servizi di natura alberghiera, compresa la somministrazione di cibi e bevande
  • prestazioni di collaboratori dipendenti, liberi professionisti, consulenti
  • responsabilità degli amministratori in aziende pubbliche

 

Strutture residenziali per anziani

News correlate

Eurorisk in partnership

15.06.2015 - Eurorisk ha recentemente concluso importanti accordi di partnership con
 
 
 

Amministratori di enti pubblici e colpa grave

03.11.2014 - Non è un argomento nuovo, se ne parla da anni, ma lo affrontiamo perché purtroppo vige ancora molta confusione e poca chiarezza.
 
 
 
Vai alla lista
 

Registrati ora alla Newsletter di Eurorisk Scopri le nostre social news