Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

Le imprese e il Decreto 231

Quali rischi si nascondono dietro questa normativa?

Il D.Lgs. 231/2001 ha modificato profondamente il diritto penale italiano, introducendo un nuovo genere di responsabilità in capo alle persone giuridiche, con impatto evidente sul rischio d’impresa e sulla relativa gestione delle attività.
Insomma, ora anche aziende ed enti sono penalmente responsabili, e non più solo il soggetto persona fisica che ha realizzato l’illecito, per i reati commessi da amministratori, manager e dipendenti.
 
Le conseguenze per l’azienda sono molto pesanti e le condizioni per evitare la condanna alle dure sanzioni del Decreto (esimenti della responsabilità) comportano un sistema di prevenzione e controllo del tutto nuovo e sconosciuto per molte piccole medie imprese italiane: modelli organizzativi, codice etico, organismo di vigilanza...richiedono personale qualificato, investimenti economici e spesso riorganizzazione aziendale.
 
Uno degli aspetti più delicati riguarda sicuramente l’indipendenza dell’organismo di vigilanza interno: se chi nomina (e retribuisce!) i membri dell’organismo sono le stesse persone il cui operato l’organismo dovrebbe vigilare, siamo così certi di poter parlare di indipendenza ?
Ma soprattutto ci chiediamo, in un paese dove la funzione indicata sul biglietto da visita spesso non coincide col ruolo effettivo, è davvero possibile individuare con certezza il responsabile di un reato?
 
Considerando la molteplicità dei reati presupposti e le sanzioni, sia pecuniarie che interdittive, previste dal Decreto 231, è assolutamente necessario che le aziende siano capaci di realizzare un impianto organizzativo conforme alla normativa: facile a dirsi, difficile da realizzare nella pratica!
 
Alla luce di queste incertezze e problematiche, qui solo accennate ma nella sostanza ben più complesse, riteniamo importante per le aziende:
a.   Affidarsi a consulenti specializzati in materia
b.   Trasferire il rischio al mercato assicurativo
 
Abbiamo ampiamente studiato la materia e stiamo realizzando per le Aziende nostre Clienti piani di gestione del rischio mirati.
 
Contattateci per una consulenza!
Vai alla lista
 

Registrati ora alla Newsletter di Eurorisk Scopri le nostre social news