Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

Contrassegno elettronico

Rc Auto 2.0

Dal 18 ottobre il contrassegno della polizza Rc Auto non si deve più esporre sul parabrezza.
Il controllo della copertura viene effettuato attraverso la verifica della targa, nel corso dei posti di blocco attuati dalle Forze dell'Ordine o utilizzando i dispositivi di controllo a distanza come i tutor, gli autovelox e le telecamere posizionate in prossimità dei varchi ZTL che abbineranno automaticamente la targa con il registro delle polizze assicurative Rc Auto.

In questo modo si potrà verificare rapidamente quali veicoli sono in regola e quali circolano senza copertura e sarà più facile contrastare l’evasione assicurativa. Maggiori informazioni e dettagli di questo nuovo sistema sono contenuti nella guida pratica “Rc Auto 2.0: addio tagliando di carta” realizzata da ANIA (Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici).

Rimane l'obbligo per le Compagnie di consegnare al Cliente il certificato di assicurazione, la carta verde e la quietanza di pagamento.

Ai sensi dell’art. 31 comma 2 bis della L. 27/2012, in fase di accertamento o contestazione della copertura assicurativa, la semplice esibizione della documentazione cartacea, da parte del proprietario del veicolo e di chi altri ne ha interesse, prevale sulle informazioni risultanti dalla Banca Dati.
Tale disposizione è volta a salvaguardare l’assicurato in regola con l’obbligo di copertura Rc Auto dall’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 193 Codice della Strada nell’ipotesi in cui le informazioni rilevabili dalla Banca dati risultino inesatte ovvero non aggiornate.

Vai alla lista
 

Registrati ora alla Newsletter di Eurorisk Scopri le nostre social news