Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

CCNL Edilizia: firmato il rinnovo

Rinnovato CCNL per il settore dell'Edilizia tra ANCE, COOP e i sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil

E' stato firmato il 18 luglio 2018 il rinnovo del CCNL per il settore dell'Edilizia tra ANCE, COOP e i sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil . Il contratto riguarda circa un milione di lavoratori e scadra il 30 settembre 2020.

Le novità dal punto di vista retributivo e del welfare prevedono:

• aumento a parametro 100 (operaio comune) di 55 euro ,
• l’aumento di 2 euro (a parametro 100) per il fondo per la Previdenza complementare (Prevedi),
• un aumento dello 0,35% complessivo per il Fondo di sanità integrativa
• un + 0,10% per il Fondo Prepensionamento .
• versamento di 0,10 per la costituzione di un Fondo per incentivare l’occupazione giovanile.

I segretari generali dei sindacati Panzarella, Turri, Genovesi hanno sottolineato che : “Abbiamo mantenuto la funzione salariale del contratto con aumenti sui minimi tabellari secondo le prassi e le specificità in atto nel settore dell’edilizia, in piena sintonia con l’Accordo Interconfederale del 9 marzo scorso firmato da Cgil, Cisl, Uil, Confindustria. Inoltre e' previsto il rilancio delle scuole edili e dei CPT per la sicurezza, con una particolare attenzione alla formazione dedicata alle nuove tecniche costruttive, ai nuovi materiali, all’industrializzazione 4.0 del cantiere.

Inoltre per la prima volta è stata “riconosciuta la possibilità alle Partite Iva presenti in cantiere di poter accedere alle Casse Edili, in particolare alla formazione, all'aggiornamento e alle prestazioni relative a salute e sicurezza, che si rivolge potenzialmente a circa 200 mila persone figure specialistiche come restauratori, archeologi, geometri, architetti, ecc.”

Si rafforza anche il welfare con la costituzione del Fondo Nazionale paritetico per l’assistenza sanitaria integrativa a favore di tutte le maestranze e degli impiegati, alimentato da un’aliquota totalmente a carico delle imprese complessivamente dello 0,60% a favore degli operai, da versare in Cassa edile su un minimo di 120 ore e da un contributo specifico dello 0,26% della retribuzione per gli impiegati. La Cassa edile svolgerà la funzione di sportello a favore degli operai”.

Ricordano infine che le principali sfide da affrontare sono: "la lotta al dumping contrattuale, e quindi l’applicazione del contratto edile a tutti i lavoratori impegnati nei cantieri, e la vera ripresa del settore, con la realizzazione delle infrastrutture necessarie al rilancio del Paese e con l’accelerazione della cantierizzazione di più opere possibili".

Fonte: Fisco e tasse
CCNL Edilizia: firmato il rinnovo
Vai alla lista
 

Registrati ora alla Newsletter di Eurorisk Scopri le nostre social news